Esperienza di Drago

31 Agosto 2020 / By Darklord

Oggi voglio raccontarvi la mia esperienza vissuta durante la realizzazione del nostro Drago Meccanico.
Cominciamo a chiederci da dove è partita l’idea? Nel lontano 2013, partecipando per la prima volta al Contest Cosplay di Lucca Comics and Games con la mia prima armatura Antica del Nord realizzata interamente in Vetroresina, un lavoraccio ma per essere un neofita con questo tipo di materiale, più che soddisfacente; esaltato da quell’incredibile esperienza che, tra l’altro, consiglio di fare a tutti i cosplayer almeno una volta nella vita, nel viaggio di ritorno verso casa, stremati, distrutti ma con quella luce negli occhi che ti viene solo quando la passione ti riempie l’anima, io e mia moglie Arianna ci siamo guardati per un secondo negli occhi e, in quel preciso istante, abbiamo capito che da questa passione, la voglia di rendere reali le nostre fantasie, non ci avrebbe più abbandonati.
In quel turbine di emozioni e deliri da stanchezza me ne uscii con testuali parole:” L’anno prossimo voglio rifarlo cavalcando un Drago”.
Lei, molto probabilmente persa nel vortice della stanchezza e in preda ad una momentanea forma di Alzheimer, mi rispose: ” Si! Perchè no, SI… PUO’… FARE!!! “. Mai tali parole furono tanto rimpiante… no scherzo, iniziammo quindi a cercare immagini e video da cui poter ricavare più informazioni possibili sull’anatomia, le proporzioni e i movimenti che quest’idea avrebbe dovuto poi avere.
Una volta deciso le dimensioni, la posizione e i movimenti, non restava che creare il progetto e studiare il modo migliore e più efficiente per creargli le movenze.
Naturalmente vista la portata del progetto, non era possibile affrontarlo solamente in 2, abbiamo quindi coinvolto altri 2 personaggi: Orlando e Maurizio, i quali, dopo un attimo di titubanza, hanno accettato di darci una mano. Quindi trovato chi si occupa della parte “scheletrica” e sopratutto con a disposizione un capannone dove poter lavorare tranquillamente, abbiamo cominciato a realizzare il collo e la coda tra il salotto e la cucina di casa, per la nostra somma gioia e delizia nel momento in cui bisognava fare le pulizie.
Infine per dar vita alla nostra creatura abbiamo contattato Cristiano il quale ha offerto il suo contributo creando l’elettronica che avrebbe dovuto far muovere il nostro “cucciolo”. Ho detto “avrebbe dovuto” in quanto, dopo 1 anno di nottate in bianco e weekend spesi a costruire, non siamo poi riusciti a farlo funzionare nel momento in cui siamo saliti sul palco del Lucca Comics and Games 2014. Questa deludente esperienza però, ci ha fatto capire che tutto l’impegno che ci mettiamo nel realizzare i nostri Cosplay darà sicuramente dei frutti, dobbiamo esser pronti a coglierli infatti da allora nacque l’idea di fondare un Associazione la quale scopo era di riunire in una Community tutti i Cosplayer che avessero avuto voglia di mettersi in gioco scambiando informazioni, lavorando a progetti più grandi e contribuire a far crescere questo stano ma affascinante movimento.
Ciao… alla prossima.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: